Quality Function Deployment

Innovazione e soddisfazione del Cliente con il QFD

Con la pubblicazione del nuovo libro Practical Manual of Quality Function Deployment (QFD), considerato da Glenn Mazur (QFD Institute USA) come “uno dei migliori libri a oggi sul QFD“, è stato sviluppato un percorso pratico (framework) per gestire l’innovazione di prodotto e servizio tramite QFD adatto per grandi, piccole e microaziende. Lo abbiamo chiamato QFD Frame.

Una via veloce ed economica per soddisfare il tuo Cliente.

Il Quality Function Deployment (QFD) è conosciuto come potente strumento di supporto alle decisioni (DSS Secision Support System).
E’ un metodo basato su un insieme di strumenti qualitativi e quantitativi (Mazur, 2016), interviste, questionari, sessioni di brainstorming e una specifica successione di matrici. E’ volto a migliorare la comprensione delle esigenze del Cliente, con l’obiettivo di definire le caratteristiche di un prodotto o di un servizio. Come conseguenza il QFD permette di massimizzare il livello di soddisfazione del Cliente (de Poel, 2007). Inoltre attiva all’interno dell’azienda o del gruppo di lavoro modalità di collaborazione, negoziazione e soluzioni win-win, senza perdenti.

Cosa intendiamo per QFD?

Cosa significano i termini Quality Function Deployment? Quality Function Deployment QFD è la traduzione inglese di sei ideogrammi giapponesi, introdotti progressivamente dai giapponesi Yoji Akao e Shigeru Mizuno negli anni Settanta:

Hinshitsu: prodotto, qualità
Kinou: funzione, meccanismo, opportunità
Tenkai: dispiegamento dei bordi del Kimono

Il QFD per come è conosciuto finora può essere troppo semplicistico oppure troppo complicato da applicare. QFD Frame, invece, passo dopo passo, permette di fermare l’analisi dove si vuole, si può o si ritienga opportuno.

Quali strumenti utilizziamo in QFD Frame?

Applichiamo le tecniche QFD attraverso:
– brainstorming con il metodo dei Post-It di Jiro Kawakita
– interviste aperte nel cosiddetto contesto “Gembà” (Il luogo dove la verità è nota)
– questionari chiusi con scale di Likert
– matrici AHP (Analytic Hierarchy Process)
– matrici QFD di correlazione
– analisi bidimensionale dei colli di bottiglia (bottleneck)

Qual’è la struttura del nostro framework QFD?

Il processo di applicazione del QFD è suddiviso in 7 fasi; ogni fase è un punto di arrivo; quindi, a seconda del tempo e delle risorse disponibili, è sempre possibile fermare il processo ai vari passaggi e ottenere comunque dei significativi risultati. Ad esempio, avendo i dati disponibili e la collaborazione del top management, la fase QFD di analisi strategica può essere svolta nell’arco di una giornata e i risultati sono una fotografia semplice, chiara e reale di: obiettivi strategici, competenze interne e segmenti di clienti (con ordine di priorità).

Framework QFD, dall'analisi della strategia, al cliente, alle caratteristiche parti, produzione e affidabilità
Framework QFD, dall’analisi della strategia, al cliente, alle caratteristiche, meccanismi, parti, produzione e affidabilità. Dal testo Practical Manual of Quality Function Deployment (Maritan 2015)